Un Natale fuori tempo

Avete presente quella sensazione che si prova quando si è un po’ giù di corda e per radio passa una musica allegra e spensierata? Spesso ci fa sentire ancora peggio, incapaci di sorridere come sembrano invece riuscire a fare tutte le persone intorno. Ci si sente soli e, a volte, un po’ sbagliati. Fa sentire dissonanti, non a ritmo, fuori tempo.

Leggi tutto “Un Natale fuori tempo”

Rivolgersi a uno psicologo

direzione - freccia - percorso - muro - bianco - incisione

Per trovare uno spazio per sè, dove sentirsi ascoltati senza essere giudicati.

Per trovare un nome agli stati d’animo, talvolta confusi, che si muovono dentro di noi.

Per non sentirsi soli.

Per non farsi bloccare dalla colpa, dalla vergogna o da un senso di incapacità.

Per poter lavorare su noi stessi, mettendoci in gioco, nella relazione terapeutica.

Per conoscerci meglio, guardandoci da prospettive finora sconosciute.

Per affrontare i timori, provando a perseguire i nostri desideri e i nostri obiettivi.

SalvaSalva