Quando arriva un bebè

“Loyd, l’ingresso è pieno di paure orribili e responsabilità ingombranti”
“Le ha portate al suo arrivo il signorino, sir”
“I bambini dovrebbero portare gioia, allegria e serenità…”
“Solo nell’opinione di chi non ci vive insieme, sir”
“E allora perché dovremmo essere felici per il suo arrivo?”
“Per quello che ci aiuterà a costruire, sir”
“Una casa grande?”
“Una persona all’altezza, sir”

Simone Tempia, vita con Loyd

Quando si aspetta un bambino, un bambino desiderato, magari persino progettato, si fantastica sul suo arrivo. Ci si immagina come sarà la creatura e come si sarà nel ruolo di genitori.

Si sa di essere di fronte a un grande cambiamento e a una grande responsabilità.

Leggi tutto “Quando arriva un bebè”

Adolescenti e web

Perché i ragazzi di oggi stanno sempre connessi alla rete, ai social e a tutto ciò che è web?

Per affrontare questo argomento occorre partire da un altro punto. Per capire come e perché i ragazzi di oggi ai nostri occhi siano sempre attaccati allo smartphone è necessario fare un passo indietro e tenere a mente un presupposto fondamentale: la famiglia è cambiata e il modo di fare i genitori anche.

Leggi tutto “Adolescenti e web”

Un Natale fuori tempo

Avete presente quella sensazione che si prova quando si è un po’ giù di corda e per radio passa una musica allegra e spensierata? Spesso ci fa sentire ancora peggio, incapaci di sorridere come sembrano invece riuscire a fare tutte le persone intorno. Ci si sente soli e, a volte, un po’ sbagliati. Fa sentire dissonanti, non a ritmo, fuori tempo.

Leggi tutto “Un Natale fuori tempo”

Mi leggi una storia? La lettura come ponte relazionale fra adulti e bambini

Il libro viene spesso visto come un mezzo di apprendimento, e certamente lo è fin dalla primissima infanzia: se la lettura diventa una consuetudine, si crea nel bambino l’abitudine all’ascolto, si sollecitano la sua immaginazione e la sua curiosità, e i suoi tempi di attenzione a poco a poco si dilatano.

Leggi tutto “Mi leggi una storia? La lettura come ponte relazionale fra adulti e bambini”

Stare in coppia: che lavoro difficile!

“…E vissero tutti felici e contenti”, così si concludevano le favole che si ascoltavano da bambini, un finale rassicurante e pieno di speranze. Ma è davvero così?

Dopo patimenti d’amore e magari qualche cocente delusione, finalmente si trova la persona “giusta” con cui iniziare la propria vita di coppia, condividendo un progetto comune. E sulla base delle favole ascoltate da bambini, la storia sembra finire lì, nell’idea o nella speranza che tutto andrà per il meglio, sempre.

Leggi tutto “Stare in coppia: che lavoro difficile!”